Startseite| Übersicht| Kontakt| FAQ

DE   FR   IT   EN

Distacco di lavoratori

Distacco di lavoratori Si parla di distacco di lavoratori, quando un datore di lavoro invia una parte dei suoi lavoratori per effettuare, a suo nome e per proprio conto, una prestazione lavorativa in uno Stato diverso da quello in cui ha sede e nel quale i lavoratori forniscono abitual- mente la loro prestazione lavorativa. I lavoratori distaccati restano soggetti al contratto stipulato con il loro datore di lavoro e ai sistemi di sicurezza sociale del Paese d’origine.

Il 1° giugno 2004, nel quadro dell’attuazione della libera circolazione delle persone con l’UE, la Svizzera ha introdotto apposite misure di accompagnamento allo scopo di proteggere le persone esercitanti un’attività lucrativa dal rischio di dumping sociale e salariale. Ciò permette alle autorità competenti di effettuare dei controlli in merito alle condizioni lavorative e salariali minime o usuali nonché di adottare provvedimenti utili in caso di abusi constatati.

La legge sui lavoratori distaccati obbliga un datore di lavoro straniero che invia in Svizzera i suoi lavoratori, ad osservare le condizioni lavorative e salariali (retribuzione minima, periodi di lavoro e di riposo, durata minima delle vacanze, sicurezza e protezione della salute sul posto di lavoro, tutela di gestanti, puerpere, bambini e giovani, non discriminazione, segnatamente parità di trattamento fra donna e uomo), previste da leggi federali, ordinanze emanate dal Consiglio federale,

contratti collettivi di lavoro (CCL) dichiarati d’obbligatorietà generale nonché da contratti normali di lavoro (CNL). Nei rami e nelle professioni in cui non vi sono salari minimi vincolanti vanno rispettati, in linea di principio, i salari usuali per il luogo, la professione o il ramo. Le Commissioni tripartite sono incaricate di sorvegliare il mercato del lavoro in proposito.

Per contratto collettivo di lavoro (CCL) s’intende un contratto stipulato fra datori di lavoro o associazioni di datori di lavoro e associazioni di lavoratori che ha per oggetto le condizioni di lavoro e i rapporti tra le parti contraenti. Conferendo a un CCL l’obbligatorietà generale, il suo campo d’applicazione viene esteso a tutti i lavoratori e datori di lavoro del ramo economico in questione. Nei decreti che conferiscono il carattere obbligatorio generale a un CCL sono contenute le indicazioni relative al campo d’applicazione territoriale, al ramo economico e ai lavoratori ai quali si riferiscono le disposizioni del CCL in questione.

Differenza tra distacco di lavoratori e fornitura di personale a prestito

Si parla di fornitura di personale a prestito, quando un datore di lavoro mette a disposizione di terzi per una prestazione di lavoro i propri dipendenti. Rispetto a quest’ultimi, l’impresa acquisi- trice esercita pieni poteri direttivi. Contrariamente ai lavoratori distaccati, il personale a prestito non agisce in nome e per conto del proprio datore di lavoro.

La fornitura di personale a prestito come pure il collocamento dall’estero sono vietati.
Per ulteriori informazioni